gac

FacebookPinterestTwitterYoutube

europaministeroregionefep

Guide Farnet

Cosa sono le Guide Farnet? La commissione Europea affari Maritmi e della Pesca ha preparato una serie di Guide per la migliore redazione delle attività dei Piani di Azione Costiera, per favorire le comunità locali nelle azioni previste per lo sviluppo delle zone di pesca.

Documents

Order by : Name | Date | Hits [ Descendent ]

Brocure Farnet: in Rotta verso il 2020 Brocure Farnet: in Rotta verso il 2020

In rotta verso il 2020

L’opuscolo Farnet è rivolto principalmente ai partecipanti all’evento “Sailing towards 2020” (Bruxelles 2-3 marzo 2015); nel contempo può essere utile per quanti, organizzazioni o singoli cittadini, sono interessati allo sviluppo locale di tipo partecipativo. I soggetti attivi (FLAG, autorità di gestione, promotori di progetti) potranno servirsene come fonte d’ispirazione per progetti futuri, rivolti anche fasce di pubblico più ampie, ad esempio ricercatori, valutatori, ONG e/o i media.

Nel 2007 la Commissione europea ha varato un nuovo approccio inteso ad affrontare alcuni dei problemi cui si trovavano a far fronte le comunità che vivono di pesca. Tra il 2007 e il 2013 sono stati formati 312 partenariati composti da diversi soggetti locali, i cosiddetti FLAG (Fisheries Local Action Groups, o Gruppi di azione locale per la pesca). Questi gruppi sono riusciti, per la prima volta, a fare ricorso al Fondo europeo per la pesca (FEP) per promuovere lo sviluppo locale. La loro sfida consisteva nel creare nuove opportunità di lavoro e di crescita stimolando attività alternative o complementari. Questo approccio, conosciuto come Asse 4 del FEP, è stato esteso al periodo 2014-2010 fino a coprire tutti i fondi strutturali europei e il fondo per gli investimenti sotto l’egida dello sviluppo locale di tipo partecipativo nelle Community-Led Local Develpment (CLLD): http://ec.europa.eu/regional_policy/sources/docgener/informat/2014/community_it.pdf

Guida N.1 - Sviluppo dal basso Guida N.1 - Sviluppo dal basso

Guida 1 – Guida all'avvio dei Gruppi di azione Locale Pesca (FLAG)

Questa guida è stata preparata per fornire ai FLAG esistenti e futuri, e a chi collabora con loro, gli elementi essenziali della creazione e del funzionamento di un partenariato di zona e della definizione e attuazione di una strategia locale di sviluppo.
L'Asse prioritario 4 rappresenta un nuovo punto di partenza per il FEP (Fondo europeo per la pesca) essendo incentrato sullo sviluppo sostenibile delle zone di pesca. Questo approccio zonale è stato introdotto per la prima volta nel regolamento FEP nel periodo 2007-13 e rispecchia il riconoscimento, da parte della Commissione europea, che le forze complesse e in costante evoluzione che agiscono sulle zone di pesca e sulle loro collettività non possono essere affrontate solo con politiche e strumenti tradizionali.

Guida n.2 - lavorare insieme per le zone di pesca Guida n.2 - lavorare insieme per le zone di pesca

Guida 2 – Guida all’avvio della Cooperazione dei Gruppi di azione Locale Pesca (FLAG)

L’Asse 4 del Fondo europeo per la pesca (FEP) prevede una disposizione per sostenere la cooperazione interregionale e transnazionale tra le zone di pesca. Questo aspetto dell’Asse 4 è volto a promuovere la condivisione di idee ed esperienze tra i gruppi di azione locale per la pesca (FLAG) e la loro partecipazione a iniziative e progetti di cooperazione in grado di contribuire allo sviluppo sostenibile delle zone di pesca.

La presente guida è un ausilio per i FLAG e le autorità di gestione nell’attuazione di questo aspetto dell’Asse 4. In particolare, si propone di spiegare che cosa si intende per cooperazione nel contesto dell’Asse 4, quali sono i potenziali vantaggi per i FLAG e le rispettive zone e quali le migliori modalità di organizzazione e gestione, a livello locale, regionale e nazionale, del sostegno alla cooperazione. La guida sarà particolarmente vantaggiosa per i FLAG che intendono servirsi della cooperazione per acquisire quelle conoscenze pratiche utili nelle prime fasi di gestione del partenariato e di attuazione della strategia locale.

Guida n.3 - Accrescere valore ai prodotti della pesca e dell'acquacoltura locali Guida n.3 - Accrescere valore ai prodotti della pesca e dell'acquacoltura locali

Guida 3 – Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura locali

La presente guida è stata messa a punto per essere uno strumento di aiuto ai promotori di progetti locali per la pianificazione e l’attuazione di progetti volti ad aumentare il valore aggiunto dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura locali. Il suo scopo non è di fornire un elenco esauriente di tutte le possibili metodologie di aumento del valore aggiunto, numerose quanto le differenti tipologie di processi di produzione locali o di mercato, quanto piuttosto di permettere ai promotori dei progetti di strutturare i propri sforzi al fine di garantirsi le massime possibilità di successo.

Guida n.4 - Strategia di successo Guida n.4 - Strategia di successo

Guida 4 – Azioni per una strategia di successo

La presente guida, messa a punto per assistere i FLAG (Gruppi di Azione Locali Pesca) nel passaggio dalla fase di pianificazione e sviluppo alla fase in cui le loro attività divengono pienamente operative, si rivolge in particolare alla seconda ondata di FLAG prevista per il 2011. La guida è incentrata sui tre temi identificati come prioritari per l’assistenza ai FLAG in occasione del seminario ‘FLAGs on the Move’ tenutosi a Gijon nella primavera del 2010. Ciascun tema è presentato in un capitolo separato, e come tale può essere letto; tuttavia la guida intende essere un complemento alla prima guida FARNET, dedicata alla costituzione dei FLAG. I tre temi trattati sono:

a)      Gestire collaborazioni efficaci.

b)      Stimolare il coinvolgimento e gli investimenti del settore privato.

c)       Elaborare e selezionare in modo attivo i progetti.

Guida N.5 - Diversificazione Guida N.5 - Diversificazione

Guida 5 – Diversificazione delle zone di pesca

Le attuali sfide socioeconomiche cui deve far fronte il settore della pesca in Europa esigono un’ampia gamma di misure volte a migliorare le condizioni di vita dei pescatori e dei loro familiari, nonché degli altri abitanti delle comunità di pesca. Un’opzione possibile grazie all’Asse 4 del Fondo europeo per la pesca (FEP) e la diversificazione economica delle zone di pesca.

La presente guida si rivolge ai FLAG per i quali la diversificazione è uno degli obiettivi della rispettiva strategia, nonché ai potenziali beneficiari che desiderano mettere in atto progetti di diversificazione. La guida è strutturata in tre capitoli principali:

a)      nel Capitolo 1, sono presentate le domande fondamentali relative alla diversificazione delle zone di pesca che molti FLAG rivolgeranno durante le fasi di preparazione o aggiornamento delle strategie;

b)      nel Capitolo 2, sono presentate una vasta gamma di potenziali attività di diversificazione che potrebbero essere inserite in una strategia di diversificazione delle zone di pesca, con numerosi esempi ricavati dalle attuali prassi in materia di sviluppo locale;

c)       nel Capitolo 3, sono passati in rassegna alcuni degli aspetti fondamentali di cui il FLAG deve tener conto al fine di realizzare una proficua diversificazione della zona di pesca.

Guida n.6  - Blue Green Economy Guida n.6 - Blue Green Economy

Guida 6 – Crescita verde nelle zone di pesca

La ricerca della crescita economica e di una migliore qualità di vita è un’inclinazione naturale del genere umano che però non può più ignorare l’ambiente dalla quale dipende. Le nostre risorse naturali, per via dell’aumento della popolazione dell’ultimo secolo, hanno subito una pressione senza precedenti, ed è ora necessario riconoscere il ruolo fondamentale svolto dalla natura nel sostenere la nostra civiltà. Occorre che gli esseri umani tornino a relazionarsi con la natura cosi da garantire che l’ulteriore sviluppo avvenga in maniera sostenibile e non pregiudichi il benessere delle future generazioni, si tratti di pescatori o di agricoltori.

Con questa guida tematica ci si propone  di dimostrare, attraverso sia la teoria ed esempi pratici, come i FLAG possono contribuire a creare zone attraenti e remunerative per la pesca applicando alcuni principi fondamentali che contribuiranno a garantire uno sviluppo ecologicamente sostenibile.

La presente guida vuole proporre alcuni percorsi, riflessioni e idee in grado di ispirare e motivare i gruppi di azione locale Pesca (FLAG) nelle azioni volte a conseguire i loro obiettivi quali fattori di sviluppo sostenibile nelle zone di pesca europee.

Guida n.7 - Le comunità della pesca Guida n.7 - Le comunità della pesca

Guida 7 – L’asse 4: uno strumento nelle mani delle Comunità di pesca

I Gruppi di azione locale Pesca (FLAG) rappresentano il fulcro dell’Asse 4. Questi nuovi partenariati, con componenti provenienti dal settore sia pubblico che privato, sono costituiti a livello locale per contribuire allo sviluppo sostenibile delle zone di pesca.

In un periodo relativamente breve, l'Asse 4 ha già dimostrato di poter contribuire a risolvere alcune delle principali sfide delle comunità di pescatori. In pochi anni, è riuscito a generare diverse migliaia di progetti rispondenti alle esigenze locali e di portare un dinamismo al livello locale. Asse 4 è prima di tutto uno strumento che permette ai pescatori e alle comunità di pescatori di prendere il loro futuro nelle proprie mani. Questa pubblicazione esamina ciò che questo significa in termini concreti per le comunità di pescatori in diverse parti d'Europa. Sono, inoltre, forniti alcuni esempi dei ruoli più importanti che i FLAG svolgono a livello locale.

Guida n.8 -  Marketing delle catture locali Guida n.8 - Marketing delle catture locali

Guida N.8 - Guida la Marketing delle catture locali

logo FarnetLe diverse tematiche sviluppate nella presente pubblicazione sono state identificate nel corso della conferenza FARNET “Marketing delle catture locali”, tenutasi a Stoccolma nel mese di giugno 2013. Prima della conferenza, i FLAG partecipanti erano stati invitati a partecipare a un sondaggio per identificare i temi di maggiore interesse da trattare nei gruppi di lavoro alla conferenza. Le discussioni e i risultati di questi gruppi di lavoro hanno fornito gran parte del materiale presentato in questa sede. (…) La pesca e un’attivita non solo intrinsecamente gravosa, che a volte comporta lunghi periodi in mare, ma anche intrinsecamente incerta, sia per le catture spesso completamente diverse da un giorno all’altro, sia per i prezzi di mercato che variano secondo modalità talvolta misteriose. Questa situazione, combinata con l’aumento dei costi di produzione dovuto all’aumento dei prezzi del carburante e di altri costi di esercizio, fa della pesca un’attivita rischiosa e difficile. Nel contempo, l’UE e il primo mercato ittico mondiale, e i consumatori europei si dimostrano sempre piu interessati a prodotti ittici sani e di qualita, rintracciabili fino alla fonte.

Guida N.9 - Pesca e Turismo: Apportare benefici a tutta la comunità. Guida N.9 - Pesca e Turismo: Apportare benefici a tutta la comunità.

pescato per il ristrante(…) è  sempre piu difficile per i pescatori e le loro comunita vivere di sola pesca. Il reddito e i posti di lavoro creati con il turismo possono contribuire a diversificare l’economia e il mercato del lavoro locali, oltre ad apportare un reddito integrativo alle famiglie dei pescatori e ad assicurare, in certi casi, la sopravvivenza stessa della loro attivita di pesca. (…) Questo dice in premessa la Guida Farnet N.9 Pesca e Turismo: Apportare benefici a tutta la comunità.



guida farnet n.9Le zone di pesca in Europa offrono ovunque paesaggi magnifici, porti pittoreschi, e molti altri ingredienti che fanno di queste mete le destinazioni turistiche più popolari. In effetti, il turismo costiero e marittimo è la maggiore attivita in Europa e molti FLAG sono gia attivi in zone turistiche rinomate.

Questa guida e destinata proprio ai Gruppi di azione locale per la pesca (FLAG) che intendono sviluppare attivita turistiche nelle loro zone, partendo dal presupposto che i benefici possano ricadere maggiormente sulla comunita di pesca locale. Si rivolge principalmente ai membri e al personale dei FLAG, e ai potenziali promotori di progetti turistici. Anche per supportare quanti già si cimentano nell'offerta di servizi turistici, di ristorazione e ospitalità nelle nostre zone di pesca. 

Il sito utilizza cookies di terze parti. Per approfondimenti clicca il link INFO To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information