gac

FacebookPinterestTwitterYoutube

europaministeroregionefep

Comune di Cagnano Varano

Cagnano Varano è un piccolo comune che sorge a poca distanza dal lago di Varano nel Parco Nazionale del Gargano. Classificato come collina litoranea, presenta una variazione altimetrica di 913 metri, mentre il centro abitato si trova ad una altitudine di 165 metri sul livello del mare. Il territorio è ricco di caverne e cavità tra le quali la più famosa è la grotta di San Michele Arcangelo. Fa parte del comune di Cagnano Varano la frazione balneare di Capojale (o Foce di Capojale).
Brevi cenni storici. La prima denominazione di Cagnano Varano è quella di Canianum intorno al XII secolo. Parte degli studiosi fa risalire il nome alla denominazione latina gens cania, secondo altri dal latino Canius, con suffisso anus, per indicare il vicino lago di Varano. Secondo altri il nome del comune deriva da Ca-iani, casa di Giano, il più venerato degli dei pagani del promontorio.
L’origine del paese si fa risalire intorno all’anno Mille d.C., nelle vicinanze dell’antica città di Uria, colonia romana che sarebbe scomparsa in seguito alle piene del lago di Varano, cui fanno spesso riferimento Plinio e Strabone.
Sappiamo che durante il Medioevo la città era cinta da mura allo scopo di assicurare una più efficace difesa dagli attacchi provenienti dal mare. Anche se non restano molte tracce di quel periodo, sono ancora oggi visibili i resti di antiche mura che proteggevano il comune. Nel corso dei secoli il paese fu feudo di alcune famiglie; il Palazzo Baronale, antica fortezza normanna rappresentava la porta d’ingresso alla città e la testimonianza dell’epoca feudale, ristrutturato più volte nel corso degli anni. Le case e le strade del centro storico sono posizionate in maniera tale da agevolare il deflusso delle acque piovane evitando il formarsi di pozzanghere nelle vie, fatte di ciottoli e sassi. Le abitazioni dipinte di bianco sono state costruite in modo tale da essere illuminate tutto il giorno, e addossate le une alle altre per affrontare i venti invernali.

StampaEmail

Il sito utilizza cookies di terze parti. Per approfondimenti clicca il link INFO To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information