gac

FacebookPinterestTwitterYoutube

europaministeroregionefep

Notice: Undefined index: width in /web/gaclagune/plugins/content/we_facebook_like/we_facebook_like/framework.php on line 105 Notice: Undefined index: width in /web/gaclagune/plugins/content/we_facebook_like/we_facebook_like/framework.php on line 200

Parco Nazionale del Gargano

Il Parco Nazionale del Gargano

Il Parco Nazionale del Gargano, istituito con Legge 394/91 e con DPR del 18/05/2001, si estende per 118.144 ettari sull'omonimo promontorio, rappresenta una delle aree protette più importanti d'Europa. E' un mondo unico, sia per la vegetazione sia per la fauna, ancora più per la millenaria cultura che gli uomini qui hanno portato da ogni parte del Mediterraneo. Alle bellezze naturalistiche va aggiunto il variegato tesoro storico , artistico e culturale: città d'arte, aree archeologiche, musei, castelli, abbazie, torri costiere, trabucchi, etc. Il Gargano, dunque, racchiude un patrimonio naturalistico, ambientale, ma anche culturale e folcloristico che andava tutelato, preservato e valorizzato.
L'area protetta ricade interamente nella Provincia di Foggia e include, totalmente o parzialmente, nel suo perimetro 18 comuni: Apricena, Cagnano Varano, Carpino, Ischitella, Isole Tremiti, Lesina, Manfredonia, Mattinata, Monte Sant'Angelo, Peschici, Rignano Garganico, Rodi Garganico, San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis, Sannicandro Garganico, Serracapriola, Vico del Gargano e Vieste.
cartina parcoL'istituzione del Parco ha permesso la tutela di molti habitat, dalle coste alte e rocciose, alle dune che circondano le lagune di Lesina e Varano, ai valloni del versante meridionale, alle faggete, alle pinete mediterranee di pino d'Aleppo, alle zone umide, all'arcipelago delle Isole Tremiti, un vero mosaico di biodiversità.
Uno degli elementi naturali più identificativi del Parco Nazionale del Gargano e senza dubbio l'acqua. Il Mar Adriatico, che circonda per tre lati il Promontorio e le sue isole: le Tremiti, ha creato delle vere e proprie sculture naturali che rendono uniche le coste del Parco. La costa garganica si caratterizza per la presenza di grotte marine, bianche e candide pareti a strapiombo, insenature, baie, spiagge piccole e grandi di sabbia o ciottoli. Altri elementi naturali presenti nel Parco e caratterizzati dall'elemento acqua sono le zone umide. Le lagune di Lesina e di Varano, luoghi ancora caratterizzati da una elevata naturalità, sono siti di sosta e riposo per gli uccelli migratori e sono riconosciute come luoghi di interesse internazionale. La palude di Frattarolo, lago Salso, (ex palude di Daunia Risi), la palude di Sfinale, nonchè i cori d'acqua minore come le sorgenti, i cutini, le "piscine", etc. permettono l'esistenza e favoriscono la sopravvivenza di rettili e anfibi e di particolari specie vegetali.
I confini istitutivi conferiscono all'area protetta una forma estremamente articolata all'interno del promontorio, pertanto di solito si considera tutta l'area compresa tra il Fiume Fortore, il Torrente Candelaro e la costa, con una superficie di circa 120.000 ha. L'area del Parco è suddivisa in due zone a diverso grado di tutela:

zona 1: aree di rilevante interesse naturalistico, paesaggistico e culturale con limitato o inesistente grado di antropizzazione;
zona 2: aree con valore naturalistico, paesaggistico e culturale e con un maggior grado di antropizzazione.

StampaEmail

Il sito utilizza cookies di terze parti. Per approfondimenti clicca il link INFO To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information